image1 image2 image3 image4 image5

Ultime notizie

A partire dal

30 Gennaio 2017

Cliccando il Link

sarà possibile accedere

al Registo Online

Tante scuole, una scuola! CF 92000950151

PDF Stampa E-mail

OBIETTIVI FORMATIVI


Centralità dell’alunno considerato nelle dimensioni dell’identità, autonomia, competenze. In questo senso le competenze da  acquisire devono riguardare abilità, conoscenze, comportamenti, consapevolezze, strategie, e procedere parallelamente allo sviluppo  dell’identità ed autonomia.

Esplicitazione del patto formativo relativo al singolo individuo

Questo comporta superare la visione e la realtà della scuola come luogo di trasmissione di elementi disciplinari predefiniti: partendo alla realtà di ciascuno, si arriva all’individuazione di obiettivi specifici per il singolo, nonché all’individuazione di metodologie. L’alunno, la famiglia, le altre agenzie formative coinvolte devono conoscere e condividere il progetto di percorso e la sua reale attuazione.

Fare scuola che colloca nel mondo

Aiutare lo studente ad acquisire una immagine sempre più chiara ed approfondita della realtà sociale al fine di favorire una critica interpretazione.

Fare scuola privilegiando l’apprendimento, più che l’insegnamento

Vuol dire intervenire su e con l’individuo accolto, ascoltato, compreso nella sua “interezza”: qualunque percorso è formativo solo se si rivolge all’individuo considerando l’intreccio, complessivo e specifico in quell’individuo, degli aspetti di identità, autonomia, competenze, e da questa realtà individua bisogni e risorse della persona, sulla cui base definire obiettivi e modalità di sviluppo.

La scuola è comunità di vita e di apprendimento: con percorsi di apprendimento basati sull’operatività e sull’assunzione dicompiti reali condivisi tra formatore e allievo attraverso “l’imparare ad apprendere e a fare”. L’intreccio dell’azione formativa sugli aspetti della persona (identità, autonomia, abilità, competenze) deve portare all’acquisizione di saperi che siano saper fare, cioè siano contestualizzati ed operativizzati. Svolgendo una funzione orientativa, sviluppando consapevolezza della necessità e capacità al singolo, con conseguente atteggiamento disponibile rispetto alla formazione in tutto l’arco della vita.

La visione della conoscenza e del sapere sviluppata dall’esperienza scolastica quotidiana dovrebbe indurre un costante atteggiamento di ascolto, la capacità di individuare i diversi punti di vista, di comprendere la generale possibilità di molteplici risposte a uguali esigenze, e quindi indurre un atteggiamento e una capacità critica per affrontare ogni situazione nuova sulla base del proprio bagaglio di “conoscenze”, che in primo luogo dovrebbe servire a capire ciò che non si sa, non si sa fare, e quindi comprendere cosa cercare e possibilmente come attrezzarsi per cercarlo.

Questo dovrebbe portare tutti i giovani a comprendere che la formazione non è mai completata ed indurre un costante atteggiamento di curiosità e di ricerca, indipendentemente dal settore lavorativo in cui l’individuo poi di inserirà.

Sviluppando la disponibilità e la capacità di ascoltare gli altri, analizzando le situazioni secondo diversi punti di vista, comprendere le diversità, sia nella realtà quotidiana sia nei contesti multiculturali.

Rendendo la scuola reale punto di riferimento e di aggregazione, operando anche sull’extrascuola.